11 Ottobre 2022

Focus Transit & Mobility - Pagamenti contactless e mobilità: il primato delle città italiane

Smart PA Magazine - Focus PagoPA

I pagamenti contactless dei titoli di viaggio rappresentano un’opzione già presente da diversi anni nel trasporto pubblico locale, in Italia diventata sempre più estesa negli ultimi anni. Come per ogni servizio digitale, il passaggio dall’erogazione tradizionale ad una modalità di fruizione innovativa, necessita di un percorso graduale che consenta al cliente di comprendere e utilizzare al meglio i vantaggi che porta con sé.

Per quanto riguarda i pagamenti contactless, il servizio è già attivo dal 2016 a Milano per le tratte di Trenord verso l’Aeroporto di Malpensa. Nel 2018 viene esteso alla rete metropolitana gestita da ATM SpA, rendendo così possibile il pagamento in entrata e uscita dai varchi, applicando la gestione della cosiddetta Best Fare, ovvero la miglior tariffa in base ai percorsi effettuati durante la giornata.
In questo modo, non solo il cliente è tutelato da eventuali errori di acquisto nei titoli di viaggio, ma evita anche possibili sanzioni.

pagamento contacless metro



Nel 2019 anche ATAC Roma ha attivato questa nuova modalità di pagamento sulla rete metro e ferroviaria, consentendo di usare la carta sia per l’acquisto che per l’utilizzo dell’abbonamento mensile direttamente ai tornelli (in sostituzione della tessera trasporti), oppure per il singolo viaggio.

Altre aziende di trasporto hanno poi seguito l’esempio di Milano e Roma. Il servizio contactless si è esteso a Padova con Busitalia Veneto, a Bari con la Ferrotramviaria per la tratta tra l’Aeroporto Internazionale “Karol Wojtyla” e il centro del capoluogo pugliese, a Bologna con “People Mover”, fino a coprire nel 2021 le aziende di trasporto di tutta l’Emilia-Romagna con l’attivazione del servizio su tutte le linee.

Un’altra Regione, che costituisce un caso di eccellenza e di innovazione, è la Campania che, grazie al Consorzio Unico Campania, ha lanciato il nuovo sistema integrato di pagamento contactless regionale. La sperimentazione, iniziata a novembre 2021, sta rapidamente coinvolgendo tutte le linee di trasporto delle aziende consorziate.

Ad oggi, sono già 22 le città che hanno attivato il pagamento contactless sui mezzi di trasporto, facendo diventare l’Italia il Paese Europeo con maggior numero di cittadini che possono accedere ai servizi di trasporto attraverso pagamento contactless EMV (Milano, Roma, Brescia, Torino, Bari, Bologna, Bergamo, Varese, Mantova, Parma, Carpi, Sassuolo, Ravenna, Padova, Rimini, Modena, Piacenza, Reggio Emilia, Forlì, Cesena, Genova, Lecco).

L'infografica mostra, infatti, la crescita costante delle transazioni contactless nell’ambito del trasporto pubblico. Una crescita dovuta, in parte all’aumento delle aziende che offrono questa modalità di pagamento ed in parte alla diffusione del servizio tra i viaggiatori.

payment-at-counter